StelleSoleLuna

Frammenti brillanti di stelle lucenti, Astro solare sorgente di vita, Argenteo disco di luce specchiata. Il Nostro cielo dove trovare un punto di incontro, con Amicizia, Armonia, Rispetto.
 
PortaleIndiceFAQCercaRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Poesia milanese

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
astrid

avatar

Numero di messaggi : 596
Data d'iscrizione : 13.07.10

MessaggioTitolo: Poesia milanese   Sab Ago 20 2011, 21:25

M MADER

M mader dent per dent la barbottava
che mi seri patii, che seri smrt.
M mader dent per dent la me diseva:
"...te ghhee ona brutta cera...
te tiret tard la sera..."
M mader la rognava, la vosava
M mader, se tossivi, la pativa...
...m mader... la stuffiva.
Adess la rgna p, la tas, la vosa p.
La tas, la parla p e mi la inzighi...
Ghe disi che son smrt,
che ghhoo na brutta cera
perch foo tard la sera.
Ma lee la tas... la tas e m... la ciami.


(Marco Candiani)

MIA MADRE

Mia madre di tanto in tanto borbottava
che io ero smunto, ero pallido.
Mia madre di tanto in tanto mi diceva:
"...hai una brutta cera...
fai troppo tardi la sera..."
Mia madre era noiosa, gridava...
Mia madre, se tossivo, soffriva.
Mia madre stancava.
Ora non annoia pi, tace, non grida pi.
Tace non parla pi ed io la provoco...
Le dico che sono pallido,
che ho una brutta cera
perch faccio tardi la sera.
Ma lei tace... tace ed io la invoco.



Tornare in alto Andare in basso
mattakkion



Numero di messaggi : 618
Data d'iscrizione : 19.12.09

MessaggioTitolo: Struggente.   Lun Ago 22 2011, 14:22

Bella, e struggente.
Ma suona anche ammonimento: troveremo pi, fuori di noi ci che
non abbiamo saputo interiorizzare in tempo?
E quando il vuoto sar dentro di noi, riusciremo mai a riempirlo ...da fuori?
Mttkk
Tornare in alto Andare in basso
astrid

avatar

Numero di messaggi : 596
Data d'iscrizione : 13.07.10

MessaggioTitolo: Re: Poesia milanese   Lun Ago 22 2011, 22:57

Dal Dialetto milanese...

Sott el s foghent de luj
el forment l andaa in cassina,
dess ripsen i pajsan
settaa-gi stt ona tppia
a fass aria col capell.
I scigad, intant che canten,
tiren sera e se nimpippen
di formigh che vann e vegnen
stt i tavol de losteria
cont in bocca na freguja.
Sciscen vin tr o quatter mosch
sul redond che hann lassaa-gi
i biccer sul tappee verd.
Slffi e stracch, quell di croccant,
el piscca in don canton
cont i brasc su la cavagna...
el sent p, nanca a mazzall,
el frecass che fann i bcc
quand sinzucchen contra i ass.
Duu fioltt giughen a mora...
...quatter, trii... prta de bev,
prta on mezz bella popla
con d tazz e ona gazzosa...
...e intrattant con la manina...
Ten gi i man, demni frust
la sgariss la maneggina
ma la rid e i duu pomej
paren prpi pmm granaa.
Bella gent, bella campagna,
bella tutta la Brianza,
bell el gatt tutt stravaccaa,
indorment s la cadrega.
Quand el s, dedree i moroni,
pcch a pcch el ciappa el luster,
ven a oltra i codeghin
bej mostos, col pan, col vin.
Prten foeura el vertical
e i cadregh, arent al mur,
lassen pst per la mazurca.
Riva i fioeu, riva i tosann
cont in faccia anm i fadigh
del forment tribbiaa su lera
ma in di oeucc ghhann dent la voeuja
de salt, de voress ben.
Dess se fiada, ormai l sera
e de sfrs, de nascondon
na quaj cppia la spariss
tra i filer de formenton.
Stt el prtich de la stalla
gh on ciccin daria corrent,
la ten fresch quatter donnett
che farfojen el rosari.
Se fa tard, l quasi ntt,
se saluden fioeu e tosann
coi fil derba in di cavej
intrezzaa col voress ben.
Stt el ciar de luna pienna
la se pggia la rosada
che carezza la campagna
me l sudor di nster vecc.


Ovvero...

Cascina lombarda

Sotto il sole infuocato di luglio
il grano andato in cascina.
Ora i contadini riposano
sotto il pergolato
e si fanno aria con il cappello.
Le cicale, mentre cantano,
tirano sera e non si curano
delle formiche che vanno e vengono
sotto i tavoli dellosteria
con una briciola in bocca.
Tre o quattro mosche succhiano vino
sul circolino che i bicchieri han lasciato
sul tappeto verde.
Stanco e sfinito, quello dei croccanti,
sonnecchia in un angolo
con le braccia sul cesto;
non sente nemmeno ad ammazzarlo
il rumore che fanno le bocce
quando sinzuccano contro le assi.
Due ragazzotti giocano a mora...
...quatter... trii... porta da bere,
porta un mezzo litro bella figliola
con due tazze e una gazzosa...
...e intanto, con la manina...
...Gi le mani... brutto demonio...
urla la servente,
ma ride e le sue guance
sembrano proprio melagrane.
Bella gente, bella campagna,
bella tutta la brianza.
Bello il gatto spaparazzato,
sonnacchioso sulla sedia.
Quando il sole, oltre i gelsi,
a poco a poco se ne va,
si fanno avanti i cotechini
ben mostosi, col pane, il vino.
Portano fuori il verticale
e le sedie vicino al muro
lasciano posto alla mazurca.
Arrivano i ragazzi, le fanciulle
con in faccia le fatiche
del grano trebbiato sullaia,
ma negli occhi la voglia
di saltare, volersi bene.
Ora si respira, ormai sera
e di nascosto
qualche coppia scompare
tra i filari di granoturco.
Sotto il porticato della stalla
c un po daria corrente,
tiene al fresco quattro donnette
che farfugliano il rosario.
Si f tardi, quasi notte,
si salutano i ragazzi
con i fili derba nei capelli
intrecciati nellamarsi.
Sotto il chiar di luna
si posa la rugiada
che accarezza la campagna
come il sudore dei nostri vecchi.





Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Poesia milanese   

Tornare in alto Andare in basso
 
Poesia milanese
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» POESIA BELLISSIMA
» in contemporanea con la merenda milanese/bergamasca....
» La Preghiera dell'Ignorante (poesia)
» Donne in rinascita - poesia
» questa poesia e' meravigliosa

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
StelleSoleLuna :: Poesie Dialettali-Proverbi-
Andare verso: